Uomini e topi, di John Steinbeck

George," disse Lennie. "Sí?" "Ho fatto ancora una cosa brutta." "Non importa," disse George, e tornò al suo silenzio. Ora solo le creste più alte erano illuminate. Nella valle l'ombra era bluastra e morbida. Da lontano giunse un rumore di uomini che si chiamavano fra loro.

A poche miglia a sud di Soledad, proprio dove il fiume Salinas lambisce le colline scorrendo verde e profondo, due uomini, due viandanti, camminano a fila indiana. Sono George Milton e Lennie Small. Sono due lavoratori stagionali che stanno camminando per raggiungere il nuovo ranch dove lavorare insieme. 

Si, a discapito di quello che fanno gli altri lavoratori, loro non si separano mai. George quasi protegge Lennie, che viene presentato al lettore come un gigante buono, un bambino nel corpo di un omone molto forte, un monstrum naturae.

Da subito é chiaro il rapporto tra i due, da subito è chiaro l’animo di Lennie e il suo modo maldestro di muoversi nel mondo. Man mano che Steibeck porta alla luce i vari personaggi si cristallizza la diversificazione da i buoni ed i cattivi, tra i vinti con voglia di riscatto ed i bulli. Tra vari personaggi maschili si erge una sola figura femminile che é la figura che sembra incarnare quasi “tentazione” che crea scompiglio tra i buoni ed i cattivi.

Attraverso una serie di dialoghi vengono disseminate frasi che accompagnano il lettore verso l’epilogo, che non stupisce ma che lascia il segno. Dentro. 

George, Lennie, Slim, Candy, Crooks, Curley e sua moglie lasciano il segno e ci invitano, sotto varie sfumature, a riflettere sui versi di Burns: Spesso i progetti anche i più buoni che fanno i topi e  che fanno gli uomini, finiscono in niente e in luogo della gioia, restano soltanto dolore stenti.

Sono felice di aver letto finalmente Uomini e topi, andava letto.

 Sono io in ritardo su un classico di cui ho compreso l’enorme successo. Poche pagine scritte come se fosse un opera teatrale, in cui tutta la forza narrativa di Steinbeck emerge e abbraccia il lettore. 
Lo straconsiglio. 
Torna in alto