UNO SGUARDO DAL PONTE di Arthur Miller – A cura di Barbara Renna

Il tormento di un uomo diventa un dramma familiare.

Il dramma personale di Eddi Carbone, ossessionato dall’amore per la figliastra e lo sfondo di una fredda società americana degli anni 50, sono gli ingredienti di questa opera che, nonostante il finale tragico, ci regala qualche sorriso.

Dalle stesse parole di Arthur Miller, “…passai molti pomeriggi a domandarmi come mai, io con tutta la mia intelligenza ero così impotente a fermarlo” scaturisce il pensiero di Miller: di fronte a tali fatti, siano essi logici o illogici, spiegabili o opinabili, scusabili o condannabili, l’uomo non può far altro che restare impotente, perché, come in questo caso, si trova di fronte ad un altro uomo e la storia può ripetersi non una, ma infinite volte.

CLICCA E GUARDA IL VIDEO

Clicca sull'immagine e scopri tutti i miei consigli

Visitate il mio sito: https://teatrobook.wixsite.com/blog Facebook: https://www.facebook.com/teatrobook Instagram: https://www.instagram.com/barbara.renna Linkedin: https://it.linkedin.com/in/barbara-re… Per richieste o collaborazioni E-mail: teatrobook@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto