Storia di due anime di Alex Landragin

Non è facile recensire questo libro così particolare. Forse é uno dei libri più originali che abbia mai letto: sia perché tratta un argomento un po’ “esoterico”, la metempsicosi, sia per l’impalcatura narrativa, perché é come avere un libro dentro l’altro.

Nella prefazione il rilegatore spiega come il manoscritto sia giunto nelle sue mani e dell’aura di mistero che lo avvolge, precisando che ci sono due versioni di lettura: quella, diciamo, tradizionale (dalla prima all’ultima pagina) e quella seguendo una determinata sequenza di pagine, detta anche versione della baronessa.

Nel complesso è una lettura scorrevole e avvincente, nonostante il doppio binario narrativo, forse, a tratti, un po’ difficile, perché tanti sono i personaggi che si susseguono e si fatica a focalizzarne le singole vicende.

Alla fine però tutti i tasselli vanno al loro posto e, tutto sommato, non posso che esprimere un giudizio positivo su questo piccolo gioiello da biblioteca.

Si racconta una storia d’amore ma anche di vendetta e odio. L’anima dei personaggi, attraverso la tecnica della metempsicosi, trasmigra da un corpo all’altro. 

E, dunque, da un lato ci sono i due amanti che si cercano, si aspettano, si trovano per, poi, separarsi di nuovo, anche a causa degli eventi storici vissuti.

E dall’altra, qualcuno assetato di vendetta che li cerca e che semina morte, togliendo ai cadaveri i bulbi oculari.

Consigliato alle persone curiose e che non si lasciano spaventare dalle novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto