Outsider – Chi siamo

ll tuo esserci ci regala una speranza per un futuro migliore.

Come nasce l’Associazione Outsider onlus

Breve storia dell’Ente

L’Associazione Outsider nasce nel 2003 con l’obiettivo di aiutare le persone con disabilità e in detenzione ad integrarsi nella società utilizzando l’arte come strumento. Nei suoi 17 anni l’associazione ha sempre cercato di rimanere attenta ai bisogni di chi era in difficoltà economica e umana. Si è posta come obiettivo di far crescere la cultura dei valori e dei diritti attraverso anche i social e la Tv.

L’Associazione in questo ultimo periodo storico ha cambiato i suoi percorsi. Tutto dovuto a diversi fattori tra cui l’assenza di una sede operativa e il cambiamento culturale che la pandemia ha portato. Dopo anni di attività dedicati perlopiù a laboratori artistici, oggi l’associazione sta portando avanti più strade dedicate ai diritti delle persone con disabilità e in detenzione sensibilizzando la società.

Una necessità molto sentita in virtù del fatto che l’Italia risulta essere il fanalino di coda riguardo la promozione dei diritti delle persone con disabilità. L’Associazione intende operare utilizzando strumenti moderni di comunicazione per sensibilizzare il pubblico verso situazioni di utenti che vivono una condizione di svantaggio. L’associazione continua il suo impegno all’interno del carcere di Torino con i progetti “Remember me” finanziato dalla Compagnia di San Paolo dedicato al recupero delle persone in detenzione e “Ed io avrò cura di te” finanziato da Fondo Intesa Sanpaolo per l’integrazione delle persone in detenzione. Inoltre promuove l’integrazione attraverso attività con il coro Gospel Outsider formato da persone con e senza disabilità portando laboratori  all’interno di ospedali (Regina Margherita e Puzzle)  e case di riposo di Torino e Provincia.

L’Associazione ha promosso nei mesi dell’emergenza Covid-19 aprile e maggio 2020, una raccolta fondi sulla piattaforma Eppela che ha dato vita a due progetti dedicati alle famiglie con o senza figli disabili in difficoltà economica e relazionale. Il progetto “Occhio vede, cuore duole” che si pone come obiettivo di pagare affitto, bollette e altre spese a chi è in difficoltà economica e il progetto “Ascolto” per la preparazione di un centro di ascolto telefonico con volontari dedicato alle problematiche di comunicazione nella famiglia causa coronavirus. L’associazione ha aperto un blog nel mese di aprile 2020 per comunicare storie di vita con particolare riguardo alla disabilità. Nel giro di due mesi il blog è stato visitato da quasi 10.000 persone.

QUATTRO CUORI – IL SIMBOLO DI OUTSIDER

Clicca sui cuori e scopri che cosa significano…

Torna in alto