Mancarsi di Diego De Silva – Recensione a cura di Maria Elena Bianco

8 / 100 SEO Score

“Non sa che l’uomo di cui vorrebbe innamorarsi è entrato nel bistrot poco minuti dopo che lei è andata via e resterà lì per più di un’ora ad aspettarla. perché è lì, per ragioni che non conoscono, che tutti e due hanno deciso che s’incontreranno, e Nicola, che torna al bistrot per la prima volta dopo tanto tempo, ha il cuore pieno d’attesa ed è convinto, senza che nulla lo autorizzi a pensarlo, che la riconoscerebbe al primo sguardo, Irene, se soltanto la vedesse”.

De Silva ci fa “spiare” la vita e la storia di Irene e di Nicola, ci racconta in modo intenso chi sono mentre ci fa intuire che sono fatti l’uno per l’altra.

Nicola vuole un figlio da sua moglie Licia, vuole allargare la famiglia e si ritrova invece spiazzato: la vita gli fa un inatteso scacco matto. Irene, bellissima e ammirata dagli uomini da sempre, é una donna che ha smesso di ridere e che vuole vivere al meglio la sua vita, e per questo raccoglie il suo coraggio e lo fa: si separa. Tra loro, estranei per tutto il romanzo, un bistrot che frequentano senza incontrasi perchè lui esci e pochi minuti dopo entra lei o viceversa. Un dettaglio: entrambi scelgono sempre lo stesso tavolo. 

Finchè la vita finalmente li mette la stessa sera di spalle al bistrot… 
Scritto molto bene, molto ricco di spunti di riflessione.

Consigliato.

bussolaculturale@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto