La religione ebraica – Le origini

La culla della vita

la Genesi stessa; la quale, al capitolo 2 versetti 8-14, descrive con precisione le coordinate del luogo: «Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a Oriente… Un fiume usciva… di lì si divideva e formava quattro corsi. Il primo fiume si chiama Pison: esso scorre intorno a tutto il paese di Avìla, dove c’è l’oro… Il secondo fiume si chiama Ghicon: esso scorre intorno a tutto il paese d’Etiopia. Il terzo fiume si chiama Tigri: esso scorre ad oriente di Assur. Il quarto fiume è l’Eufrate».

La culla della vita:

La sostanziale differenza tra il politeismo e il monoteismo è che:

  • Nel politeismo è L’uomo che cerca Dio
  •  Nel monoteismo (ebreo e cristiano) è Dio che sceglie di rivelarsi agli uomini 

La cultura ebraica

Parlare di un popolo così lontano nel tempo, significa risalire a fonti che solo per questa lezione saranno unicamente bibliche.

Come sappiamo, quella che viene definita “culla della vita” è la zona della Mesopotamia e più precisamente quella tra il fiume Tigri ed Eufrate (citati anche nella Bibbia). Questa zona era ricca di tribù nomadi e semi-nomadi. Tra questi, alcune si possono raggruppare sotto la nomenclatura di AMORREI (1850a.c.).  

In questo spazio e tempo, troviamo Abramo e la storia dei Patriarchi. da loro ebbe inizio e vita la storia, la cultura e la religione ebraica.

Abramo

Abramo (in ebraico: אַבְרָהָם, Avraham, “Padre di molti/dei popoli”; XX secolo a.C.?; † XIX secolo a.C.?) è un personaggio dell’Antico Testamentopatriarca ebreo. Il primo dell’Antico Testamento, padre di tutti i credenti. La sua storia è narrata in Genesi 12-25. Il suo nome originale era Abram (אַבְרָם, Gen 17,5), poi cambiato da Dio in Abraham (אברהם, Gen 17,5), comunemente italianizzato in Abramo. Il suo influsso copre tutto il Nuovo Testamento, ed è una figura fondamentale dell’ebraismo, del cristianesimo e dell’Islam.

Genesi 12

1 Il Signore disse ad Abram:
«Vàttene dal tuo paese, dalla tua patria
e dalla casa di tuo padre,
verso il paese che io ti indicherò.
2 Farò di te un grande popolo
e ti benedirò,
renderò grande il tuo nome
e diventerai una benedizione.
3 Benedirò coloro che ti benediranno
e coloro che ti malediranno maledirò
e in te si diranno benedette
tutte le famiglie della terra».

La storia di Abramo, con un pizzico di ironia...

La prima alleanza della storia

Tieni presente questo: Tutta la storia (fino ai giorni nostri) del popolo ebraico si basa su questa alleanza (berit).

LA STORIA: Per la prima volta nella storia, non sarà una persona ad alzare gli occhi al cielo per cercare un Dio; bensì sarà Dio a manifestarsi agli uomini e in particolare ad uno promettendogli la Terra Promessa. A sigillo di tale accordo vi sarà il segno della circoncisione (Gen 17,9-12), tutt’oggi presente.

 

La promessa

La discendenza

In estrema Sintesi:

La fede (fiducia)

La prima cosa che è interessante notare in Abramo è la fede, o meglio la fiducia, in una promessa che sembra assai improbabile. Ma se non crediamo nella possibilità di compiere del ben, cosa resta della nostra esistenza?

Abramo ha fede e crede che al di la di ogni possibilità, l’essere umano e dunque ancor più Dio è capace di bene. Il film che ti propongo ha come scopo quello di far comprendere come esista la possibilità in ognuno di noi, di seguire il proprio cuore e non solo la propria “testa”. Abramo era ricco e stava bene eppure sapeva che solo Dio poteva dargli la sola cosa che gli mancava. In altre parole ha avuto fede (fiducia). 

Film

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto