FINCHÉ IL CAFFÈ É CALDO di Toshikazu Kawaguchi – A cura di Gloria Zanchetto

Ci sono 5 regole da seguire minuziosamente quando ci si siede sulla sedia speciale nella piccola caffetteria giapponese e si vuole viaggiare nel tempo:

1- sedersi su QUELLA sedia;

2- aspettare che venga versato il caffè;

3- pensare all’esatto momento che si intende rivivere;

4- bere tutto il caffè  prima che si raffreddi.

E così Fumiko, Kotake, Hirai e Kei, consapevoli di non poter cambiare il proprio presente, intraprendono un viaggio nel tempo, che, invece, cambierà loro stesse.

Una storia delicata e ricca di sentimenti, raccontata con i ritmi cedenzati del Sol Levante, che va assaporata lentamente, come quando si gusta una tazza di caffè caldo.

Con questo racconto Toshikazu Kawaguchi ci dice che ogni momento è importante, che dobbiamo parlarci, esprimere i nostri sentimenti, buoni o cattivi che siano, agli altri e che non dobbiamo mai lasciare nulla in sospeso perché, a rimandare, potremmo non avere più tempo.

Consigliato a coloro che vorrebbero una seconda occasione per rivivere un momento importante della propria vita solo per comprenderne meglio il significato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto