Claudia, torna dall’Ecuador e cambia vita – La Giocattolaia di Legno

Claudia Barone, Grande piccola donna del nostro tempo. Si, una piccola eroina in mezzo a un mondo che non sa più guardare la realtà con un semplice sorriso.

Nei suoi occhi traspare la semplicità e la forza di chi ancora crede che il bene esiste ed è possibile.

Racconta di se: “Sono laureata in Scienze Politiche, mi sono iscritta all’albo per assistenti sociali. Così mi sono trasferita in Ecuador e mentre studiavo e lavoravo in un centro per bambini recuperati dalla strada ho deciso di creare un laboratorio di falegnameria creativa. Mi mancava troppo il mio…Ho avviato una campagna di crowfounding che è andata bene e abbiamo dato via al progetto. Grazie ad una convenzione con il Ministero, recuperavamo i legni del disboscamento illegale della foresta amazzonica e realizzavamo giocattoli. Da lì è nato tutto: mi sono arrivate proposte di lavoro dall’Italia”  – incredibile ma vero – ” sono rientrata a casa, mi ero già cancellata dall’albo degli assistenti sociali e ho deciso di investire seriamente sulla mia passione facendola diventare la mia professione”.

L’amore per il legno è nei geni di famiglia. Una passione che è sempre esistita nel corso delle generazioni, prima il nonno poi il padre. Nella loro falegnameria impara a costruirsi i giocattoli con una certa soddisfazione Claudia aveva in realtà preso altre strade nella vita. 
Ma tutto torna, e passa solo se lo fai scorrere via. La memoria, questo il segreto della felicità; cioè il far tesoro dell’immensa bellezza che ci ha circondato e ci circonda. Far rivivere il legno costruendo giochi, non è infatti solo un mestiere, ma un modo per fare riemergere tutto il bene che che l’ha avvolta fin da piccola.
 

Grazie Claudia

Clicca per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto